NORME REDAZIONALI E DI EDITING

  

2.    Criteri per i riferimenti bibliografici


Scrivere nel seguente ordine:

1)  autore (in MAIUSCOLETTO):
     •    indicare l’iniziale del nome e il cognome per esteso;

     •    ove necessario utilizzare la dicitura (a cura di), (diretto da), (coordinato da), ecc.;
2)  titolo (in corsivo);
3)  casa editrice;
4)  anno di edizione;
5)  numero di pagina, ove necessario, preceduto dall'abbreviazione della parola “pagina” (p. o pp.) e seguito eventualmente dall’abbreviazione ss. se si vogliono indicare genericamente anche le pagine seguenti.

Esempio:
L. VALENTE, Consuetudini e usi nel rapporto sul lavoro subordinato, Giuffrè, 2006, pp. 32-33


Se il contributo citato è pubblicato in un’opera collettanea, inserire anche il riferimento completo del volume secondo le indicazioni che precedono:

Esempio:
R. BLANPAIN, The Reform of Public and Private Employment Services, in C. SERRA (a cura di), La riforma del mercato del lavoro: deregolazione o riregolazione?, Giuffrè, 2005, p. 75.

Se il contributo citato è pubblicato in una rivista:

1)  autore (in MAIUSCOLETTO):
     •    indicare l’iniziale del nome e il cognome per esteso;
2)  titolo (in corsivo);

3)  nome della rivista (in corsivo)

     •    utilizzare le abbreviazioni allegate;
     •    nel caso la rivista non sia presente nell’elenco fornito, indicare il nome per esteso;
4)  anno del fascicolo;

5)  numero del fascicolo (ad esempio: n. 1);

6)  numero di pagina, ove necessario.

Esempio:
M.R. FREEDLAND, N. COUNTOURIS, Diritti e doveri nel rapporto tra disoccupati e servizi per l’impiego in Europa, in DLRI, 2005, pp. 584 ss.

N.B.: la prima volta che un’opera viene citata, mettere tutti i riferimenti completi. Quando è già stata citata, e non ci sono altre opere dello stesso autore, mettere solo autore e op. cit. (in corsivo):

R. BLANPAINop. cit.

Se ci sono altre opere dello stesso autore, allora mettere autore e titolo seguito da cit. in tondo:

R. BLANPAINThe Reform of Public and Private Employment Services, cit.